"Credo in un solo padre": il film di denuncia per celebrare l’8 marzo
Cinema

“Credo in un solo padre”: il film di denuncia per celebrare l’8 marzo

Esce l’8 marzo, il giorno della festa della donna “Credo in un solo padre”, l’opera prima di Luca Guardabascio. Una storia che fa riflettere sulla drammaticità e l’attualità della violenza di genere.

    “Credo in un solo padre”: il film di denuncia per celebrare l’8 marzo

    Facebook
    Twitter
    Google+
    LinkedIn
    Pinterest
    StumbleUpon
    +

    Sono innumerevoli i libri, le canzoni e i film che ruotano attorno alla tematica dell’8 marzo. La festa della donna, come spesso viene semplicisticamente indicata, nasconde molto di più: narra, silenziosamente, di conquiste sociali, economiche e politiche, spesso accompagnate da discriminazioni, lotte e violenze, troppe volte finite in tragedia.
    Nasce da qui l’dea di Luca Guardabascio: realizzare un film dal titolo volutamente vocativo, una tacita preghiera che aiuti la protagonista a scappare da un carnefice molto vicino a lei.
    Locandina "Credo in un solo padre", di Luca Guardabascio

    “Credo in un solo padre” è l’opera prima di Guardabascio che ha voluto dare inizio alla sua carriera da cineasta toccando le corde più profonde di quella fetta di società ancora molto fragile.

    L’opera prima di Luca Guardabascio

    “Credo in un solo padre” è una storia di violenza familiare, la cui trama prende spunto dal romanzo di Ferruccio Michele Tuozzo “Senza far rumore”, tratta da una storia vera.
    Il titolo è un grido di dolore, urlato nei muri di una casa in cui si consumano atti di violenza domestica che spengono, giorno per giorno, la speranza di una donna di sfuggire dalle grinfie di un orco.
    Maria e i suoi due figli vanno a vivere nella fattoria del suocero, Giuseppe (Massimo Bonetti), in seguito alla decisione del marito Gerardo di emigrare in Austria per garantire un futuro più agiato alla sua famiglia.
    Da qui in poi inizia il calvario di Maria: una strada che la donna percorre nell’indifferenza di tutti, nell’omertà di tutti. La sua stessa sorte, poco dopo, toccherà anche alla figlia.
    L’opera prima di Luca Guardabascio ha già ottenuto molteplici consensi, sia in Italia che oltreoceano, conquistando premi su premi e ricevendo un voto di 9.3/10 su Imdb.

    La violenza sulle donne: il tema principale del film

    Non è un caso se il film uscirà per la sua prima in streaming l’8 marzo. La violenza sulle donne, per quanto sia ritenuta una problematica passata nel dimenticatoio, è purtroppo ancora molto viva e presente nella nostra società. Il potere patriarcale e la sottomissione femminile sono problemi tanto ancestrali quanto penetranti, talmente tanto forti da sentirne l’odore. Si, come l’odore del marcio che ti permea le narici fino quasi a cullarti nel suo sudiciume.
    “Credo in un solo padre” vuole svelare la polvere nascosta per troppo tempo sotto il tappeto, vuole mandare un chiaro messaggio alla società attuale, fare aprire gli occhi a chi è vittima, far redimere, se possibile, il carnefice e puntare i riflettori sui problemi, forse dimenticati, che ancora oggi affliggono la società moderna.
    Chi sa deve parlare: Maria può essere nostra figlia, nostra sorella, nostra madre.
    Maria potresti essere tu.

    Il cast

    Il cast del film vede all’opera attori italiani e internazionali tra cui Massimo Bonetti, Anna Marcello, Giordano Petri, Flavio Bucci, Francesco Baccini che ha anche curato la colonna sonora, Claudio Madia, Donatella Pompadiur, Anna Rita Del Piano, Lucia Bendia, Roberto Ciufoli, Jonis Bascir, Luce Cardinale, Cloris Bosca, Marc Fiorini, Chiara Primavesi Francesca Silvia Bertocchi, Maddalena Ischiale e Danilo Brugia.
    Il produttore esecutivo è Stefano Misiani e il film è prodotto da Around culture srl, mentre la distribuzione cinematografica è a cura di Antenna Cinema.

    Il regista Luca Guardabascio

    Luca Guardabascio, classe 1975, si afferma come regista e autore per cinema e televisione. Dietro la cinepresa per il programma Rai Notte, vive per la storia italiana raccontata attraverso il cinema. Già regista di cortometraggi, documentari e show televisivi, debutta con il suo primo film scegliendo la tematica della violenza sulle donne. Fa incetta di riconoscimenti, con ben 9 premi internazionali tra i quali l’ambito Queen International Film Festival come miglior Opera Prima, Miglior Regia e miglior Attrice per Anna Marcello.

    Dove guardare il film in streaming

    “Credo in un solo padre” uscirà l’8 marzo e potrà essere guardato in streaming sulla piattaforma Chili cliccando sul seguente link:
    https://it.chili.com/content/credo-in-un-solo-padre-2019/e7cad0bf-1463-4631-a573-1477ea7c04e5

    Buona visione!

    Facebook
    Twitter
    Google+
    LinkedIn
    Pinterest
    StumbleUpon
    +
      error: I contenuti su questo sito sono protetti dalle regolamentazioni italiane ed internazionali in materia di copyright. Ogni illecito verrà prontamente segnalato via DMCA senza alcun preavviso
      0
      Would love your thoughts, please comment.x
      ()
      x